martedì 30 ottobre 2012

Marta


M'APPARÌ TUTT’AMOR
dall’opera Martha di Friedrich von Flotow

M'apparì, tutto amor,
il mio sguardo l’incontrò.
Bella sì, che il mio cor
ansioso a lei volò.

Mi ferì, m’invaghì
quell’angelica beltà.
Sculta in cor dall’amor
cancellarsi non potrà.

Il pensier di poter
palpitar con lei d’amor,
fa sopir il martir
che m’affanna e strazia il cor.

E strazia il cor!

M’appari, tutto amor,
il mio sguardo l’incontrò.
Bella sì, che il mio cor
ansioso a lei volò.

Martha, Martha tu sparisti
e il mio cor col tuo n’andò.
Tu la pace mi rapisti,
di dolor io le vorrò.

Ah! Ti volor vorrò,
sì, vorrò!

Cantato dal grandissimo tenore Enrico Caruso (1873-1921)

SHE APPEARED TO ME

She appeared to me, purest of love.
I discovered with my eyes this vision of delight.
Lovely was she, that my hungry heart,
In a snap, to her did fly;
I was hurt, I was charmed
By that beauty from above.
Love is etched in my heart,
And cannot now be erased.
The mere thought that our hearts
With sweet love might beat as one
Is enough to forget all the sorrow
That fills my heart.

She appeared to me, purest of love.
I discovered with my eyes this vision of delight.
Lovely was she, that my hungry heart,
In a snap to her did fly.
Marta, Marta, you have left me,
And my heart along with yours has vanished away!
You've taken away my peace,
I will surely die of pain.

Sung by the very great tenor, Enrico Caruso (1873-1921)

I make homemade lard!

(Per la versione italiana, vedete il posto precedente.)

I took this photo last year, at a deli in a town called Varallo, in the Italian Alps.
I love saying to my American friends, ”I make homemade lard.” Looks of fear come over their faces. As if they could have a heart attack at the mere mention of the word ”lard”!

It is possible that I am one of the only people in the United States who makes lard. It is the recipe of my great-aunt Maria (De Pasquale) Ciampa from Sorbo Serpico (Avellino), born in 1884, told to me by one of her daughters in Boston, who was over 80 when she told it to me.

You start with pork fat. Technically, it can be from any part of the pig, but the easiest to find in American supermarkets is salt pork or pork belly. Cut it in little pieces, put them in a pan, cover it, and cook on very low heat for about an hour. (The cooking time depends on the amount of fat, the size of the pieces, etc.)

Meanwhile, in a bowl (I use Pyrex), put two cloves of garlic, salt, pepper, and a bay leaf.
When the pieces of fat have rendered all of their liquid (which is the lard), put them in a ricer, to squeeze out every last drop. Pour the lard into the bowl. (You will hear a little sizzle, when the hot lard makes contact with the garlic.) Let it cool, then put it in the fridge. When the lard becomes white, it’s ready!

You see from the photo how important it is to smile at your lard. Sometimes it smiles back at you!

(For even tastier lard, that resembles even more the drippings of pancetta, you can add – in addition to the four ingredients above (garlic, salt, pepper, and bay leaves) – a few juniper berries and a little piece of nutmeg.)

And in this photo, you see the heart surgeon, working on my arteries.

Let it be known! Make no mistake about it! I make homemade lard!

Addendum
March 3, 2014

If you know a good butcher, you can obtain a cut of the pig's belly that is superior to what one finds in the supermarket. However! In January I made pasta with ricotta, a recipe by the great Mimmo Corcione. I didn't have any lard on hand. What I did have, however, was a beautiful, thick slice of pancetta, from the local supermarket. Remember that my great-aunt seasoned the lard with garlic, but also with salt, pepper, and bayleaf. But pancetta already has these last three seasonings, and perhaps also nutmeg and juniper. Rendering the fat from pancetta produces a lard that contains all of these divine flavors.

But the story doesn't end there! The cracklings from this pancetta ... well, there is no way to describe to you the taste — neither in Italian nor in English nor any other terrestrial language. Cibus deorum, food of the gods — but only the most fortunate gods!

Lo strutto, me lo faccio io!

(For the English version, see the following post.)

Ho scattato questa foto l’anno scorso, a una salumeria a Varallo (VC).
Amo dire ai miei amici americani, “Io faccio lo strutto casareccio.” Gli sguardi di paura scendono sopra le loro facce. Come se possano avere un infarto alla sola menzione della parola “strutto”!

È possibile che io sia una delle uniche persone negli Stati Uniti che fa lo strutto.  È la ricetta di mia prozia, Maria (De Pasquale) Ciampa, nata a Sorbo Serpico (AV) nel 1884, dettami da una sua figlia a Boston, che aveva più di 80 anni quando me la disse.

Cominciate con il grasso del maiale.  In America, viene di solito dalla pancia.  Tagliatelo in pezzettini.  Metteteli in una pentola, copritela, e fatela cuocere a bassissima fiamma, per un ora circa. (Il tempo di cottura depende sulla quantità del grasso, la grandezza dei pezzettini, ecc.)

Nel frattempo, in una ciotola (io uso Pyrex), mettete due spicchi d’aglio, sale, pepe, e una foglia d’alloro.  
Quando i pezzettini di grasso hanno reso tutto il loro liquido (cioè lo strutto), metteteli in uno schiacciapatate, per spremere ogni ultima goccia.  Versate lo strutto nella ciotola.  (Sentirete un po’ di sfrigolio, quando lo strutto caldo fa contatto coll’aglio.)  Fatelo raffreddare, poi mettetelo nel frigo. Quando lo strutto diventa bianco, è pronto!

Si vede dalla foto quanto è importante sorridere allo strutto. Qualche volta vi sorride di rimando!

(Per uno strutto anche più saporito, che assomiglia anche di più lo strutto di pancetta, potete aggiungere – in aggiunta dei quattro ingredienti sopra (aglio, sale, pepe, e alloro)  – qualche bacca di ginepro e un pezzettino di noce moscato.)

E in questa foto, vedete il cardiochirurgo, lavorando sulle arterie.

State pur certo! Sia ben chiaro! Lo strutto, me lo faccio io!

Addendum
3 marzo 2014

Se conosciate un bravo macellaio, potreste ottenere un taglio della pancia superiore a quel che si trova al supermercato normale. Comunque! A gennaio facevo la pasta con la ricotta, ricetta del grandissimo Mimmo Corcione. Non c’avevo lo strutto a portata di mano. Quel che c’avevo, comunque, era una bellissima fetta spessa di pancetta, dal supermercato locale. Ricordatevi che mia prozia condiva lo strutto con aglio, ma anche con sale, pepe, e foglia d’alloro. Ma la pancetta già ce l’ha questi ultimi tre condimenti, e forse anche la noce moscata e il ginepro. Rendere il grasso dalla pancetta produce uno strutto che contiene tutti questi divini sapori.

Ma la storia non finisce lì! I ciccioli di questa pancetta ... ma, non c’è nessun modo di descrivervene il gusto — né in italiano, né in inglese, né in nessuna lingua terrestre.  Cibus deorum — ma solo degli dei più fortunati!

sabato 27 ottobre 2012

Passione

Il grande (e, oggi, quasi ignoto) tenore torrese, Francesco Albanese.
The great (and, today, virtually unknown) tenor from Torre del Greco, Francesco Albanese.



PASSIONE
Bovio - Tagliaferri - Valente

(Scroll down for the English translation)

Cchiù luntana me staje,
cchiù vicina te sento...
Chisá a chi stu mumento
tu a che pienze ...che faje...
Tu mm’hê miso int’ ’e vvéne
nu veleno ch’è ddoce.
Nun me pesa sta croce
ca trascino pe’ te!...

Te voglio...te penzo...te chiammo...
te veco...te sento...te sonno...
E' n'anno
- ce pienze ch’è n’anno -
ca st’uocchie nun ponno
cchiù pace truvà...

E cammino, cammino,
ma nun saccio addó vaco...
I’ stó sempe ’mbriaco
e nun bevo maje vino...
Aggio fatto nu vuto
’a Madonna d’ ’a neve:
si mme passa sta freve,
oro e perle lle dó...

Te voglio (ecc.)

The farther from me you are, the closer to you I feel
Who knows at this moment, what you’re thinking, what you’re doing!
You’ve put into my veins, a venom that is sweet
How heavy is this cross, that I bear for you!

I want you, I think of you, I call to you
I see you, I hear you, I dream of you
A year, just think it's been a whole year
that these eyes have known no peace!

I walk and I walk, but I don’t know where I’m going
I’m always inebriated, though I drink no wine
I’ve made a vow, to the Madonna of the Snows
if I get past this fever, gold and pearls I’ll offer her

I want you (etc.)

 
Recorded/Inciso nel 1941

ADDENDUM (13 January/gennaio 2013)
Per un contrasto interessante, ecco un’interpretazione, inciso solo un anno dopo da Beniamino Gigli. La dizione è meno autentica, ma le emozioni che Gigli infonde nella sua voce sono incredibili!
As an interesting contrast, here is an interpretation, recorded only a year later by Beniamino Gigli. The diction is less authentic, but the emotions that Gigli injects into his voice are incredible!

The ULTIMATE Spaghetti with Breadcrumbs!

(Per la versione italiana, vedete il post precedente.)

The most delicious recipe in the world is that which you make from the stuff that you would have thrown away.

One of the most delicious, and least known, Italian-American recipes is “Mamma’s Chicken” by the immortal actor-comedian-cook Dom DeLuise. In its absence of pretenses, and presence of flavor, this simple recipe is a masterpiece of Italian-American cuisine.

Months ago, I made breadcrumbs from hard bread (leftovers from various loaves of homemade semolina bread). I added a garlic clove, sale, pepper, and little pinches of herbs from the garden. My garden contains rosemary, parsley, oregano, basil, lavender, French tarragon, purple sage, winter savory, and thyme. (The garlic and the fennel aren't yet mature.)
Last night, I took four whole chicken legs (drumsticks and thighs), and the homemade breadcrumbs, and I made Mrs. DeLuise’s beloved chicken.

(You see in the photo that I removed two of the four legs, so as to better show the breadcrumbs.)

Well! Imagine these breadcrumbs! They’d already had the flavors of the semolina, of the garlic, of the garden. Now they also had the flavors of the chicken ... the onions ... the lemon ... the little bit of pecorino ...

Here you have this oven pan, the chicken removed, and the breadcrumbs remaining, NOT thrown away. And imagine the flavor when the cooked spaghetti was added directly to this very same oven pan!!!


Yes, at this point you could drizzle extra-virgin olive oil on it — but with the oils from the skins and bones of the chicken, I didn’t need to. And you could add a cup of the cooking liquid; but as you can infer from the photo, I didn't strain the pasta — I removed it from the water with tongs. This way, a little cooking liquid travels with the spaghetti.

Spaghetti with Breadcrumbs, or Spaghetti al Pangrattato, is also known as Spaghetti alla Carrettiera. Note, however, that the classic version of Spaghetti alla Carrettiera does not call for tomatoes – only breadcrumbs, oil, garlic, parsley, and anchovies.

Part II (January 12, 2013)

I repeat the axiom with which I began the first part of this post:

The most delicious recipe in the world is that which you make from the stuff that you would have thrown away.

Photo from the blog “Virtual Pizza”
Pizza.  One of the most popular foods in all of the United States. And Americans don't eat the crusts! At least, most Americans. Imagine how many pizzas are made in America in one year — and imagine how many megatons of crusts are thrown away!

I save all of my stale bread, including the crusts, in a brown paper bag, to make breadcrumbs. Pizza crusts have an added quality: a hint of oregano, a hint of olive oil, a hint of tomato, a hint of cheese or garlic or other ingredients.

I have found, however, that when the pizza crusts harden, if you put them in the food processor, a few "rocks" will remain which do not grind. And if you grind the crusts fresh, the crumbs will be too soft and will not brown well in the frying pan.

The solution is simple: grind them fresh, put the crumbs in a paper (NOT plastic) bag or other container. Then, the crumbs will become stale enough to brown.

And then, with these excellent breadcrumbs with the aroma of pizza, make the classic recipe for Spaghetti & Breadcrumbs as you always do. For more than 20 years, I use the recipe by the great Biba Caggiano which appeared in Trattoria Cooking:

5 TB extra-virgin olive oil
2 TB breadcrumbs
3 cloves garlic, finely chopped
4 anchovy fillets, finely chopped
salt
freshly ground black pepper
1 lb thin spaghetti
2 TB finely chopped fresh parsley

Heat the oil in a large skillet over medium heat. Add the breadcrumbs and cook until the breadcrumbs are lightly golden, 5 to 10 seconds [sic — minutes?]. Remove the skillet from the heat and add the garlic and the anchovies. Stir vigorously and in less than 15 seconds even the garlic will be cooked. Season lightly with salt (remember, the anchovies are already quite salty) and several grinds of pepper. Set aside.

Bring a large pot of water to a boil. Add 1 TB of salt and the spaghetti. Cook, uncovered, over high heat until the pasta is tender but still firm to the bite, al dente. Scoop out 1 cup of the pasta cooking water, and add it to the skillet. Drain the pasta and add it to the skillet. Add the parsley and mix everything together quickly over low heat until well coated. If the pasta is too dry, add a bit more olive oil. Taste and adjust the seasonings and serve at once.

Serve with Fiano di Avellino!

Il NON PLUS ULTRA degli Spaghetti al Pangrattato!

(For the English version, see the following post.)

La ricetta più prelibata del mondo è quella che fate dalla roba che avreste buttata via.

Una delle più deliziose, e meno conosciute, ricette italoamericane è il “Mamma’s Chicken” (“Pollo della Mamma”) dell’immortale attore-comico-cuoco Dom DeLuise. Nella mancanza di pretese, e la presenza di sapore, questa semplice ricetta è un capolavoro della cucina italoamericana.

Mesi fa, feci il pangrattato dal pane duro (avanzi da varie pagnotte caserecce di semola). Aggiunsi uno spicchio d’aglio, sale, pepe, e pizzichi piccolissimi delle erbe del giardino. Il giardino mio contiene rosmarino, prezzemolo, origano, basilico, lavanda, dragoncello francese, salvia viola, santoreggia montana, e timo. (L’aglio e il finocchio non sono ancora maturi.)
Iersera, ho preso quattro gambe intere (cosce e sovracosce) di pollo, e il pangrattato casereccio, e ho fatto il beneamato pollo deluisesco.

(Vedete nella foto che ho rimosso due delle quattro gambe, per mostrare meglio il pangrattato.)

Allora!  Figuratevi questo pangrattato!  Già aveva avuto i sapori della semola, dell’aglio, del giardino.  Adesso ha avuto anche i sapori del pollo ... delle cipolle ... del limone ... del pochissimo di pecorino ...

Ecco questa teglia da forno, il pollo rimosso, il pangrattato rimasto ma NON buttato. E figuratevi il sapore quando gli spaghetti cotti ho aggiunti direttamente nella stessissima teglia da forno!!!


Sì, a questo punto potreste versare un filo d’olio EVO — ma con gli oli della pelle e degli ossi del pollo, io non ne ho avuto bisogno. E potreste aggiungere una tazza dell’acqua di cottura; ma come potete inferire dalla foto, non ho scolato gli spaghetti — li ho rimossi dall’acqua con le molle. Così, un po’ dell’acqua di cottura viaggia cogli spaghetti.

Gli Spaghetti al Pangrattato sono conosciuti anche col nome degli Spaghetti alla Carrettiera. Notate, comunque, che la versione classica degli Spaghetti alla Carrettiera non impiega i pomodori – solo pangrattato, olio, aglio, prezzemolo, e acciughe.

Parte IIª (12 gennaio 2013)

Ripeto l’assioma con la quale ho cominciato la prima parte di questo post:

La ricetta più prelibata del mondo è quella che fate dalla roba che avreste buttata via.

Foto dal blog “Virtual Pizza”
La pizza.  Un dei cibi più popolari in tutti gli Stati Uniti.  E gli statunitensi non mangiano le croste!  Almeno, la maggior parte degli statunitensi.  Figuratevi quante pizze si fanno in America in un anno — e figuratevi quante megatonnellate di croste si buttano!

Salvo tutto il mio pane raffermo, incluse le croste, in un sacchetto di carta marrone, per fare il pangrattato. Le croste della pizza hanno una qualità aggiunta: un’idea d’origano, un’idea d’olio d’oliva, un’idea di pomodoro, un’idea di formaggio o d’aglio o di qualche altro ingrediente.

Ho trovato, comunque, che quando le croste della pizza s’induriscono, se le mettiate nel frullatore, rimarrebbe qualche “pietra” che non si macina. Ma se maciniate le croste fresche, le briciole sarebbero troppo molli e non si rosolerebbero bene nella padella.

La soluzione è semplice: macinatele fresche, mettete le briciole in un sacchetto o un altro contenitore di carta (NON di plastica). Poi, le briciole diventeranno abbastanza rafferme per rosolare.

E poi, con questo squisito pangrattato col sentore della pizza, fate la classica ricetta degli Spaghetti al Pangrattato come fate sempre. Per più di 20 anni, uso io la ricetta della grandissima Biba Caggiano che apparve a Trattoria Cooking:

5 TB olio d’oliva extra-vergine
2 TB pangrattato
3 spicchi d’aglio
4 filetti d’acciughe, tritati finemente
sale
pepe nero frescamente macinato
500 g spaghettini
2 TB prezzemolo fresco, tritato finemente

Scaldate l’olio in una grande padella su media fiamma. Aggiungete il pangrattato e fatelo cucinare finchè leggermente dorato, 5-10 secondi [sic — minuti?]. Rimuovete la padella dalla fiamma e aggiungete l’aglio e le acciughe. Mescolate con vigore e in meno di 15 secondi anche l’aglio sarà cotto. Insaporite leggermente con sale (ricordatevi, le acciughe sono già piuttosto salate) e qualche macinata di pepe. Mettete a parte.

Fate bollire una grande pentola d’acqua. Aggiungete 1 TB sale e gli spaghettini. Fateli cucinare, senza coperchio, su fiamma alta, finchè al dente. Rimuovete 1 tazza dell’acqua della pasta e aggiungetela alla padella. Scolate la pasta e aggiungetela alla padella. Aggiungete il prezzemolo e mescolate tutto velocemente su fiamma bassa finchè ben cosparso. Se la pasta sia troppo asciutta, aggiungereste un altro filo d’olio. Assaggiatelo, aggiustate i sapori, e servite subito.

Servite con Fiano di Avellino!

venerdì 26 ottobre 2012

Aïda & Toscanini

An excerpt from the famous television broadcast of Aïda with Toscanini and the NBC Symphony (1949). Several of the soloists are American, including the great tenor Richard Tucker.

Un brano dalla famosa trasmissione televisiva di Aïda con Toscanini e la NBC Symphony (1949). Alcuni dei solisti sono americani, incluso il gran tenore Richard Tucker.

Italian-American French Toast

(Per la versione italiana, vedete il post precedente.)

French Toast is one of the most magnificent examples of “cucina povera” — “poor” cuisine, which of course is the richest cuisine that we have. Old slices of bread are transformed into one of the most popular and beloved breakfasts in America. (Interestingly, Italians never eat eggs or meat for breakfast; the last thing they would ever dream of eating for breakfast is an omelette.)

In the egg and milk mixture, one can add vanilla, cinnamon, even orange juice. The soaked bread is fried in a pan with butter (certainly not olive oil).

The most common toppings for French Toast are butter and maple syrup. If you travel north of Massachusetts — Vermont, New Hampshire, Maine, and Ontario — you find the most fantastic maple syrup in the world (even if most Americans most often use the vile imitations found in supermarkets). Other very common toppings are powdered sugar and fruit compote.

Ingredients:
4 slices of bread (stale or fresh)
extra-virgin olive oil
2 or 3 eggs
a little milk (optional — only if the bread is hard)
2 cloves of garlic, with the skin still on
salt
pepper
freshly ground nutmeg
pecorino, parmigiano, or another cheese that you like.


Preparation:
Beat the egg (and the milk if you’re using it) with the salt, pepper, and nutmeg. (Important: do NOT use vanilla or cinnamon, ingredients only in the sweet version.) Soak the pieces of bread — very little time if the bread is fresh, a little more if it’s stale. Meanwhile, heat the frying pan; add the oil and garlic. (Don’t take the skin off.) Fry the soaked bread for a few minutes per side. When golden brown, transfer it to a plate and top it with the cheese of your choice.



In the photo, the French Toast at the right is topped with pecorino romano. At left, I instead used a smoked mozzarella. I preferred the first one, which had more bite. Perhaps with both cheeses, and homemade lard instead of oil ...

Pain Perdu all'Italoamericana

(For the English version, see the following post.)

Toast alla Francese è un degli esempi più magnifici della “cucina povera” — che certamente è la cucina più ricca che abbiamo. Fette vecchie di pane si trasformano in una delle colazioni più popolari e beneamate in America. (Capisco bene che gli italiani non mangiano le uova a colazione!)

Nel “bagno” di uova e latte, si può aggiungere vaniglia, cannella, anche un po’ di succo d’arancia. Si soffrigge il pane bagnato in una padella con burro (ovviamente non con olio EVO).

Sopra il toast, i condimenti più comuni sono il burro e lo sciroppo d’acero. Se viaggiate al nord del Massachusetts — Vermont, New Hampshire, Maine, e Ontario — trovate lo sciroppo d’acero più fantastico del mondo (anche se gli americani più spesso usano le imitazioni vili che si trovano in supermercato). Altri condimenti molto comuni sono lo zucchero a velo e la composta di frutta.

Ingredienti:
4 fette di pane (rafferme o fresche)
Olio EVO
2 o 3 uova
un po’ di latte (facoltativo — solo se il pane sia duro)
2 spicchi d’aglio, ancora in camicia
sale
pepe
noce moscata, frescamente macinata
pecorino, parmigiano, o un altro formaggio che vi piace


Preparazione:
Battete le uova (e il latte se l’usiate) con il sale, il pepe, e la noce moscata. (Importante: NON usare nè vaniglia nè cannella, ingredienti solo della versione dolce.) Bagnate le fette di pane — pochissimo tempo se pane fresco, più tempo se pane raffermo. Nel frattempo, scaldate la padella; aggiungete l’olio e l’aglio. (Non togliere la camicia dell’aglio.) Soffriggete il pane bagnato qualche minuto per lato. Quando dorato, trasferitelo al piatto e coprite col formaggio della vostra scelta.



Nella foto, il toast al destro è ricoperto di pecorino romano. Al sinistro, ho usato invece una mozzarella affumicata. Preferivo il primo, che era più piccante. Forse con tutti i due formaggi, e il lardo casereccio al posto dell’olio ...

Marechiare & 'A Vucchella

Il grandissimo Tito Schipa canta due leggendarie canzoni napoletane con musica di F. Paolo Tosti e parole di Salvatore di Giacomo.
The very great Tito Schipa sings two legendary Neapolitan songs with music by F. Paolo Tosti and words by Salvatore di Giacomo.

giovedì 25 ottobre 2012

"Improvised" Pasta

(Per la versione italiana, vedi il precedente post.)
This recipe took its inspiration from two dear foodbloggers. With Laura Tulimiero (Matematica e Cucina) I was chatting about couscous. Then I couldn’t get middle eastern cuisine out of my head. And Sara Drilli (I Pi@ttini di Drilli) always gives me the confidence to improvise in the kitchen.

I imagined something with ground chick peas, something a little bit sweet and sour. Inspired by these two magnificent ladies, I improvised this little recipe — nothing "authentic", it's not a "middle eastern dish," only an improvisation with a little Mediterranean spirit.
Ingredients:
1/2 lb pasta (I used Divella Penne Mezzani Rigate, no. 23)
extra-virgin olive oil
24 oz. whole peeled San Marzano tomatoes
16 oz. chick peas
2 cloves garlic
1 chili pepper (green or red), between 2 and 3 inches in length
homemade wine vinegar (red or white) — or, 50% commercial wine vinegar (red or white) + 50% wine of the same color
a few raisins
garden oregano
garden basil
garden parsley
pecorino romano


Preparation:
Purée the tomatoes, chick peas, garlic, chili pepper, vinegar, and raisins in the blender. Heat the oil in a frying pan; when it's hot, add the puréed ingredients to the pan. While it's cooking, if necessary, add a little water from the pasta to the sauce, a little bit at a time.

Towards the end, add the garden herbs. (Alas, due to the Boston climate, the basil is no more. That which you see in the photo comes from my freezer.) The oregano is very important here. It's called "hot & spicy," a strain of origanum vulgare hirtum (similar to Italian or Greek oregano).

The cheese must have some "bite" and must be from the South of Italy, like pecorino. Absolutely do not use parmesan or any other cheese from the North.

Homemade Vinegar
 

When you open a bottle of wine and drink most of it, but there's a little bit left over, pour the leftover wine in a bottle of wine vinegar of the same color. Keep doing that. You can learn how to make homemade vinegar here.

Divella!

Here in America, excellent pasta does exist. De Cecco is very popular. You can find it in most supermarkets (at least here in Massachusetts). Dal Verde is equally common, and it's rather good. But in my opinion, Divella is superior. It is a stupendous pasta. And you absolutely cannot find it in supermarkets. But now that I live 20 miles west of Boston, I found a magnificent store. It's called Tutto Italiano. It's located in Wellesley Square. They have practically an entire wall of Divella pasta! This splendid store is one of the jewels of the western suburbs of Boston.

Pasta "Improvvisata"

(For the English version, see the following post.)
Questa ricetta prese ispirazione da due carissime foodblogger.  Con Laura Tulimiero (Matematica e Cucina) chiacchieravo del couscous.  Poi, non riuscii di togliere la cucina mediorientale dalla mente.  E Sara Drilli (I Pi@ttini di Drilli) mi dà sempre la confidenza di improvvisare nella cucina.

Immaginai qualcosa con i ceci macinati, qualcosa un po’ agrodolce. Ispirato da queste due magnifiche donne, improvvisai questa piccola ricetta — niente di “autenticoˮ, non è una “ricetta mediorientale,ˮ soltanto un’improvvisazione con un po’ di spirito mediterraneo.
Ingredienti:
500 gr. pasta (io ho usato Divella Penne Mezzani Rigate, nr. 23)
olio EVO
700 gr. pomodori San Marzano pelati
450 gr. ceci
2 spicchi d’aglio
1 peperoncino (verde o rosso), lunghezza fra 5 e 7,5 cm
aceto casereccio di vino (rosso o bianco) — oppure, aceto commerciale di vino (rosso o bianco) + vino dello stesso colore
qualche uvetta secca
origano dal giardino
basilico dal giardino
prezzemolo dal giardino
pecorino romano


Preparazione:
Passate i pelati, i ceci, l’aglio, il peperoncino, l’aceto, e le uvette nel frullatore.  Scaldate l’olio nella padella; quando è caldo, versare il passato nella padella. Mentre cuoce, se necessario, aggiungete al sugo un pochino dell’acqua di cottura della pasta, un po’ alla volta.

Verso la fine, aggiungete le erbe dal giardino. (Ahimè, a causa del clima bostoniano, il basilico non c’è più. Quel che vedete qua nella foto viene dal mio freezer.) L’origano è molto importante qua. Questo qua del mio giardino si chiama "hot & spicy," una varietà di origanum vulgare hirtum.

Il formaggio deve essere qualcosa piccante e del Sud, come pecorino. Assolutamente non usare parmigiano o un altro formaggio settentrionale.

L’aceto casereccio

Quando aprite una bottiglia di vino e ne bevete la maggior parte, ma un po’ avanza, versate il vino avanzato in una bottiglia di aceto di vino dello stesso colore. Continuate a farlo. Cliccate qua per imparare come si fa l’aceto casereccio.

Divella!

Qua in America, la pasta eccellente esiste. De Cecco è molto diffuso. Lo si trova nella maggior parte dei supermercati (almeno qua nel Massachusetts). Dal Verde è ugualmente diffuso, ed è piuttosto buono. Ma secondo me, Divella è superiore. È una pasta stupenda. E assolutamente non si può trovarlo nei supermercati. Ma adesso che abito 32 km ovest di Boston, ho trovato un magnifico negozio. Si chiama Tutto Italiano. Si trova al centro di un sobborgo affluente che si chiama Wellesley. E hanno quasi un muro intero di Divella! Questo splendido negozio è un dei gioielli della periferia occidentale di Boston.