mercoledì 1 maggio 2013

Pasta e cavolfiore

Mineo: provincia di Catania, paese di Nonna.
Un dei miei piatti preferiti del mondo, fatto spessissimo da mia nonna siciliana, è la pasta con cavolfiore.

Devo dire, comunque, che l’abitudine di far cuocere gli ortaggi nell’acqua bollente e poi gettare l’acqua, come le mie lettrici e lettori già sanno, è una che non posso accolgo.  Buttar via tanti vitamine, minerali, e sapori — non posso!

Dunque, ho cambiato la preparazione della ricetta.  Gli ingredienti di mia nonna rimangono inalterati.

La ricetta appartiene alla “cucina povera,” senza nessuna carne affatta.  Le uvette e il peperoncino danno una qualità quasi agrodolce.


Ingredienti

500 g pasta (Io ho usato i ditalini, facili da mangiare ai piccini!)
1 testa cavolfiore
olio d’oliva extravergine
1 piccola cipolla, trittata
2 spicchi d’aglio, interi
800 g pomodori pelati, passati nel frullatore
750/1000 mL acqua bollente (separata dall’acqua per la pasta — o in un’altra pentola su un altro fornello, o in un misurino di Pyrex nel microonde)
uvette nere
peperoncino
pepe nero, frescamente macinato
sale marino
basilico fresco
pecorino meridionale (NON toscano), frescamente grattugiato (NON usare parmigiano)


Preparazione



Rovesciare il cavolfiore.  Rimuovete le foglie verdi.  Con un coltello, tagliate attorno al torsolo — abbastanza a fondo che le infiorescenze si libereranno.  Non rimuovere tutti i gambi di tutte le infiorescenze, solo il fusto centrale.


In una pentola, fate soffriggere la cipolla e l’aglio a media fiamma, finché la cipolla sarà traslucida e l’aglio sarà dorato ma non bruciato.

Aggiungete i pelati frullatori, le uvette, il peperoncino, e un po’ di pepe nero.

Aggiungete l’acqua, il sale, e il cavolfiore.

Fate cuocere per 30 minuti — prima a fiamma alta, poi quando l’acqua comincerà ad evaporare, abbassate a fiamma medio-alta per non bruciare i pomodori.  Il cavolfiore dev’essere né duro né molliccio — “al dente,” diciamo.

Aggiungete il basilico al fine, aggiungete la pasta, servite con pecorino abbondante, e Buon Appetito!

2 commenti:

  1. In effetti mi sembra un'ottima ricetta! Ormai cominciamo ad essere fuori stagione per i cavoli qui, ma mi piacerebbe molto provarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Bea! Toglimi una curiosità: Lì a Firenze, cos'è in stagione adesso in questo momento? (Forse la tua risposta ispirerà da me una ricetta ...)

      Elimina