mercoledì 7 ottobre 2015

Autunno

Acton Arboretum, Acton, Massachusetts (U.S.A.)
Foto di Leonardo Ciampa (7.X.15)
Autunno nel New England.  Non c’è nessun’altro posto in cui preferirei stare!

In particolare amo l’inizio autunno, quando piccole esplosioni di rosso e d’arancio scoppiano fuori dal verde.

In questo periodo dell’anno, ho sempre voglia di riascoltare Autunno, come interpretato dal rimarchevole tenore sessantenne, Beniamino Gigli. Parole, musica e canto – tutti i tre mi fanno vibrare le corde del cuore.
  Autumn in New England.  There is no place else I'd rather be!

In particular I love the early autumn, when little explosions of red and orange burst forth from the green.

At this time of year, I always have the desire to relisten to Autunno, as sung by the remarkable 63-year-old tenor, Beniamino Gigli.  The words, the music, and the singing – all three tug at my heart strings.

AUTUNNO
Music by Ernesto De Curtis (1875-1937)
Words by Libero Bovio (1883-1942)




ENGLISH
Perhaps it’s the autumn
That makes this melancholy of mine remain.
It’s raining cats and dogs, my Ninetta.
It’s almost October; it seems like winter.
Cold days, bitter nights.
Always waiting for a word, just one word,
from you.

And you, what are you doing?
Are you happy or sad these days?
Do you ever think of me? Are you coming back, or are you not coming back?
Eh, OK, stay far away...
After all, it’s a whole year that you haven’t written me a word.
Not one, not a single word!
And yet, it’s still always you.
It’s still always you.



NAPOLETANO
Forse è ll’autunno
ca mme mantene ’sta malincunia.
Chiove a zeffunno, Ninetta mia.
È uttombre quase; vierno mme pare.
Jurnate fredde, nuttate amare.
Sempe aspettanno ca na parola,
una, una sola,
mme venesse ’a te,
mme venesse ’a te.

E tu che faje?
Staje allèra o malinconica ’e sti juorne?
Mme pienze maje? Tuorne o nun tuorne?
E sí, faje buono, statte luntana,
tanto, è passata n’annata sana
ca nun mm’hê scritto cchiù na parola,
una, una sola.
Giá, si’ sempe tu.
Giá, si’ sempe tu.



ITALIANO
Forse è l’autunno
che mi fa rimanere questa malinconia.
Piove a dirotto, Ninetta mia.
È quasi ottobre; mi sembra inverno.
Giornate fredde, nottate amare.
Sempre aspettando che una parola,
una, una sola,
mi arrivi da te,
mi arrivi da te.

E tu che fai?
Sei allegra a malinconica in questi giorni?
Mi pensi mai? Torni o non torni?
E sì, fai bene, stai lontana...
Tanto, è da un anno intero
Che non mi scrivi più una parola...
Una, una sola!...
Già, sei sempre tu...
Già, sei sempre tu!

Nessun commento:

Posta un commento