giovedì 4 aprile 2013

Gigli canta "O bei nidi d'amore" (O beautiful nests of love)

Inciso nel 1927, solo due anni dopo la morte del gran compositore siciliano, Stefano Donaudy. Recorded in 1927, only two years after the death of the great Sicilian composer, Stefano Donaudy.
O bei nidi d’amore,
occhi a me sì cari,
che di vostro favore non mi foste avari,
or che privo son io
di quel vostro sorriso,
di quel mio Paradiso,
senza più alcun desio
vedo i giorni miei fuggire,
e in sì cruda mia sorte
ogni giorno ho più morte
e non posso ancor...non posso morir!

Non ha raggi più il sole,
stelle il firmamento,
non ha il prato viole,
nè sospiri ha il vento, or che,
a crescer l'ambascia del perduto mio bene,
che sì affranto mi tiene,
persin quella mi lascia,
onde almen nutrivo il core,
pietosa speranza che anche al misero avanza
perchè gli sia men crudo il dolor!

 Oh beautiful nests of love,
 Eyes so dear to me,
 That were not miserly to me with your good-will,
 Now that I am deprived
 Of that smile of yours,
 Of that paradise of mine,
 Without any more desire
 I see my days fly by,
 And in my fate so cruel
 Every day I have more death
 And yet I cannot... I cannot die! 
 
 No longer has the sun rays,
 The firmament stars,
 The field does not have violets,
 Nor has the wind sighs, now that,
 to increase the pain of my lost blessing,
 Which keeps me so crushed,
 Even that leaves me,
 With which at least I fed my heart,
 The merciful hope which comes even to the wretched,
 So that his sorrow will be less cruel to him!

1 commento:

  1. Davvero interessante il tuo post, la musica è arte!!

    RispondiElimina